9 Effetti collaterali spaventosi del tè

Tè Effetti collaterali

Una delle bevande più amate è il tè. Esistono diversi tipi di tè, ma alcuni dei più popolari includono il tè oolong, il tè nero e il tè verde. Tutti questi tipi sono fatti dalle foglie della pianta Camellia sinensis. I tè possono fare miracoli per la nostra salute generale. Possono aiutarci a perdere peso. Quando il tè viene preparato correttamente, puoi sperimentare molti effetti collaterali positivi quando lo bevi quotidianamente. Poche cose sono calmanti o piacevoli come bere una tazza di tè caldo, ma i meriti di questa bevanda non si fermano qui.

effetti collaterali del tè

In molte diverse medicine tradizionali, il tè è stato usato come trattamento naturale per molte malattie diverse. Alcuni studi moderni hanno dimostrato che i composti vegetali nei tè possono aiutare a ridurre il rischio di malattie croniche, come malattie cardiache, diabete, obesità e cancro. Il consumo moderato di tè è una scelta molto salutare per la maggior parte delle persone. Ma se bevi troppo tè, ad esempio 3-4 tazze al giorno (710-950 ml) al giorno potrebbero avere alcuni effetti collaterali sulla tua salute.


Effetti collaterali del tè:

Qui puoi vedere alcuni effetti collaterali negativi derivanti dal bere troppo tè:

Dipendenza da caffeina:

Sappiamo che la caffeina è uno stimolante che dà assuefazione. L’assunzione regolare di tè o altre fonti potrebbe portare alla dipendenza. Alcuni sintomi di astinenza da caffeina includono affaticamento, aumento della frequenza cardiaca, irritabilità e mal di testa. Il livello di dipendenza è diverso e dipende da una persona. Ma alcuni studi hanno affermato che la dipendenza da caffeina potrebbe iniziare dopo soli tre giorni di assunzione consecutiva, con una maggiore gravità nel tempo.

Vertigini:

In alcuni casi, le persone hanno riferito di sentirsi storditi o storditi dopo aver bevuto il tè. Ma può essere il risultato di aver bevuto troppa caffeina dal tè. Di solito, questo sintomo è associato a una grande dose di caffeina, in genere superiore a 400 – 500 mg o circa 6 – 12 tazze di tè. Ma può anche accadere con dosi più piccole in persone particolarmente sensibili ad esso.

Di solito, non è consigliabile consumare così tanto tè in una sola volta. Se hai notato che spesso ti vengono le vertigini dopo aver bevuto il tè, allora dovresti optare per una versione a basso contenuto di caffeina o parlare con il tuo medico di quale tipo di tè potrebbe essere sicuro per la tua salute.

Mal di testa:

La caffeina intermittente è utile per alleviare alcuni tipi di mal di testa. Ma, quando viene usato cronicamente, possono verificarsi effetti opposti. Il consumo continuo di caffeina dal tè può causare mal di testa ricorrenti. In alcuni studi è stato dimostrato che un minimo di 100 mg di caffeina su base giornaliera può portare a recidive quotidiane del mal di testa. Ma il pezzo specifico necessario per scatenare un mal di testa può alterarsi in base alla tolleranza dell’individuo.

Il tè è solitamente più basso di caffeina rispetto ad altri tipi popolari di bevande contenenti caffeina, come caffè o soda. Ma alcuni tipi possono ancora fornire fino a 60 mg di caffeina per tazza. Se hai mal di testa ricorrenti e pensi che siano correlati all’assunzione di tè, dovresti provare a ridurre o eliminare questa bevanda dalla tua dieta per un po’ per vedere se i tuoi sintomi miglioreranno.

Complicazioni della gravidanza:

Quando una donna incinta si espone ad alti livelli di caffeina da bevande, come il tè, questo può aumentare il rischio di complicazioni, come basso peso alla nascita e aborto spontaneo. I risultati dei pericoli della caffeina durante la gravidanza sono contrastanti e non si sa ancora quanto sia sicuro. Tuttavia, alcuni studi hanno affermato che il rischio di complicanze è relativamente basso se si mantiene l’assunzione giornaliera di caffeina sotto i 200-300 mg. In uno studio americano non è consigliato superare più di 200 mg di caffeina.

L’assunzione totale di caffeina può variare, ma di solito è compresa tra 20 e 60 mg per tazza. Inoltre, per sicurezza, non è consigliabile bere più di 3 tazze di tè al giorno. Alcune persone vogliono bere tisane prive di caffeina al posto del normale tè, quindi eviteranno l’esposizione alla caffeina, specialmente durante la gravidanza. Ma non tutti i tipi di tisane sono considerati sicuri durante la gravidanza.

Alcune tisane possono contenere liquirizia o cohosh nero che possono indurre il travaglio prematuramente e dovrebbero essere evitate. Se sei incinta e sei preoccupato per l’assunzione di tè alle erbe o alla caffeina, dovresti parlare con il tuo medico dei dosaggi sicuri raccomandati e delle tisane sicure.

Bruciore di stomaco:

La caffeina nel tè può causare bruciore di stomaco o aggravare i sintomi di reflusso acido preesistenti. Negli studi si è scoperto che la caffeina può rilassare lo sfintere che separa l’esofago dallo stomaco, consentendo al contenuto dello stomaco di fluire più facilmente nell’esofago. Inoltre, la caffeina può portare ad un aumento della produzione di acido nello stomaco. Ma bere il tè non significa sicuramente che ti farà venire il bruciore di stomaco.

Gli individui reagiscono in modo molto separato agli stessi cibi. Se consumi grandi quantità di tè e hai spesso bruciori di stomaco, puoi ridurre l’assunzione e vedrai se i tuoi sintomi miglioreranno.

Ridotto assorbimento di ferro:

Il tè è ricco di tannini che possono legarsi al ferro in alcuni alimenti e questo rende il ferro non disponibile per essere assorbito nel tratto digestivo. È stato dimostrato che i tannini nel tè hanno maggiori probabilità di ostacolare l’assorbimento del ferro da fonti vegetali rispetto agli alimenti di origine animale. La quantità esatta di tannini può variare notevolmente a seconda della tipologia e della preparazione. Questo è un motivo per cui dovresti limitare l’assunzione a tre o meno tazze al giorno.

Nausea:

Ci sono alcuni composti nel tè che possono causare nausea, soprattutto se consumato a stomaco vuoto o in grandi quantità. Le foglie di tè hanno tannini che sono responsabili del sapore amaro e secco del tè. I tannini hanno natura astringente che può irritare il tessuto digestivo, portando potenzialmente a sintomi spiacevoli, come mal di stomaco o nausea. La quantità di tè necessaria a una persona per avere questo effetto collaterale varia da persona a persona.

Le persone, che sono più sensibili, possono sperimentare questi sintomi dopo aver bevuto da una a due tazze di tè. Mentre altre persone potrebbero essere in grado di bere più di cinque tazze di tè senza notare alcun effetto collaterale. Se noti alcuni di questi sintomi dopo aver bevuto il tè, puoi ridurre la quantità di tè che bevi in ​​qualsiasi momento. Inoltre, puoi consumare del cibo con il tuo tè o aggiungere una spruzzata di latte al tuo tè. I tannini possono legarsi ai carboidrati e alle proteine ​​negli alimenti e questo può ridurre al minimo l’irritazione digestiva.

Dormire male:

Il tè contiene naturalmente caffeina. L’assunzione eccessiva di tè può interrompere il ciclo del sonno. La melatonina è un ormone che sta segnalando al nostro cervello che è ora di dormire. In alcuni studi è emerso che la caffeina può inibire la produzione di melatonina, che si traduce in una scarsa qualità del sonno. Quando non dormi abbastanza, può portare a molti problemi di salute, come una ridotta capacità di attenzione, problemi di memoria e affaticamento. Inoltre, la privazione cronica del sonno è associata a un aumentato rischio di obesità e a uno scarso controllo della glicemia. Le persone metabolizzano la caffeina a velocità diverse.

È difficile prevedere esattamente come influisca sui modelli di sonno in tutti. In alcuni studi è emerso che anche solo 200 mg di caffeina consumati sei o più ore prima di coricarsi possono influire negativamente sulla qualità del sonno. Ma altri studi non hanno osservato effetti significativi. Se bevi regolarmente tè con caffeina e manifesti sintomi legati a una scarsa qualità del sonno, allora potresti voler ridurre l’assunzione di tè, soprattutto se consumi altre bevande o integratori contenenti caffeina.

Aumento di ansia, stress e irrequietezza:

Le foglie di tè contengono caffeina naturale. Quando si consuma troppo caffeina, indipendentemente dalla fonte può portare a sentimenti di irrequietezza, stress e ansia. In media una tazza di tè contiene 11-61 mg di caffeina, che dipende dalla varietà e dal metodo di preparazione. Il tè nero ha più caffeina rispetto al tè verde e bianco. Più a lungo metti in infusione il tuo tè, maggiore è il suo contenuto di caffeina. In alcune analisi si dice che è improbabile che una quantità di caffeina inferiore a 200 mg su base giornaliera causi ansia significativa nella maggior parte delle persone.

Tuttavia, alcune persone sono più sensibili agli effetti della caffeina rispetto ad altre e potrebbe essere necessario limitare ulteriormente l’assunzione. Se noti che quando bevi il tè ti fa sentire nervoso o nervoso, allora potrebbe essere un segno che hai bevuto troppo e ti senti nervoso o nervoso, allora potrebbe essere un segno che hai bevuto troppo e vuoi farlo ridurre per ridurre i sintomi.

Susanna

Scrittrice e blogger, per lavoro e per passione. #Live, #Love & #Write