Asbestosi: sintomi, cause e altri fattori di rischio associati

L’asbestosi è una malattia polmonare cronica. Questa malattia è causata dall’inalazione delle fibre di amianto. Se non vengono trattati nella loro fase iniziale, possono causare mancanza di respiro e cicatrici sui tessuti. Ci sono molti sintomi di questa malattia. In alcuni casi i pazienti possono presentare solo pochi sintomi, mentre in altri casi i pazienti presentano molti sintomi. Di solito questi sintomi si verificano dopo molti anni dalla prima volta che sono comparsi. L’amianto è un prodotto minerale naturale. Questo prodotto minerale naturale è resistente alla corrosione e al calore. In passato questo prodotto è stato utilizzato in prodotti come cemento, piastrelle per pavimenti e isolanti. Molte delle persone che soffrono di asbestosihanno questa malattia dal loro lavoro. Questo è stato il motivo per cui il governo federale ha regolamentato l’uso dei prodotti per l’asbestosi. Ogni datore di lavoro deve regolamentare la salute dei propri dipendenti. Perché se i datori di lavoro non regolano la salute dei loro lavoratori, allora questo diventerà un enorme problema. La maggior parte dei trattamenti per l’asbestosi viene utilizzata per alleviare i segni ei sintomi dell’asbestosi. [1,2]

Sintomi e cause dell’asbestosi

Sintomi: inizierai a notare i segni ei sintomi dell’asbestosi dopo 10-40 anni dalla sua esposizione iniziale. Questi segni e sintomi possono includere:

  • Oppressione toracica
  • Tosse secca
  • Perdita di appetito
  • Dolore al petto
  • La tosse secca vince a lungo
  • Perdi peso
  • Fiato corto
  • I polpastrelli e le dita dei piedi sono più rotondi e più larghi rispetto ai normali polpastrelli e piedi

Quando vedere un medico? Se hai alcuni dei segni e sintomi sopra elencati, devi visitare il tuo medico. Il sintomo più comune nella maggior parte dei casi di asbestosi è la mancanza di respiro. Il medico la indirizzerà a un medico specializzato in problemi polmonari. Il medico potrebbe farti queste domande:

  • Che tipo di sintomi senti?
  • Da quanto tempo hai i sintomi?
  • Cosa hai lavorato in passato?
  • Fornisci brevi brevi per i tuoi tipi di lavoro?
  • Hai lavorato a progetti edilizi?
  • Sei un fumatore?
  • Da quanto tempo fumi?
  • Che tipo di medicinali hai preso?
  • Hai preso alcuni rimedi casalinghi per i tuoi sintomi? Se in passato hai fatto radiografie del torace, dovresti portare queste copie al tuo medico perché lui o lei vorrà confrontarle con le attuali radiografie del torace. Quando il tuo medico ti farà un esame fisico, userà lo stetoscopio. Con questo test ascolterà i tuoi polmoni per essere sicuro se stai emettendo un crepitio mentre inspiri. Il modo migliore per prevenire questa malattia è ridurre l’esposizione all’amianto. In molti paesi del mondo esistono leggi che garantiscono ai datori di lavoro nell’edificio che saranno al sicuro. Se sei un fumatore, aumenti le possibilità di contrarre questa malattia. Dovresti smettere di fumare. Questo ti aiuterà a ridurre il rischio di contrarre malattie polmonari.

Cause di asbestosi

Quando sei esposto a livelli elevati di amianto per un lungo periodo, le fibre presenti nell’aria possono depositarsi negli alveoli. Questo irriterà i tuoi polmoni che li renderà rigidi. Quindi, non puoi respirare correttamente. Man mano che questa malattia sta crescendo, i tessuti polmonari saranno sfregiati. Poiché il tessuto polmonare è rigido, non può contrarsi ed espandersi correttamente. Se sei un fumatore, hai maggiori possibilità di contrarre questa malattia. Le sigarette stanno aumentando la ritenzione di fibre di amianto nei polmoni, il che può comportare una progressione più rapida dell’asbestosi. [3]

Fattori di rischio: questi tipi di lavoro aumenteranno le possibilità di contrarre questa malattia:

  • Operatori caldaia [4]
  • Elettricisti [5]
  • Meccanica automobilistica [6]
  • Meccanica aeronautica [6]
  • Ferrovieri [7]
  • Minatori di amianto
  • Operai edili [8]
  • Lavoratori che stanno rimuovendo l’isolamento di amianto attorno ai tubi del vapore negli edifici più vecchi

La maggior parte dei materiali delle nostre case è composta da amianto. Quando questi materiali non sono danneggiati, non c’è motivo di averne paura. Ma quando questi materiali sono danneggiati, allora c’è la possibilità di diffondere l’amianto nell’aria. Nella maggior parte dei casi l’asbestosi si verifica dopo un lungo periodo di esposizione alla fibra di amianto.

Riferimenti:

[1] Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Riepiloghi dello studio sulla salute dei lavoratori: ricerca sull’esposizione a lungo termine. 1998. Estratto da www.cdc.gov/niosh/pgms/worknotify/asbestos.html

[2] Kang D, Myung MS, Kim YK, Kim JE. Revisione sistematica degli effetti dell’esposizione all’amianto sul rischio di cancro tra bambini e adulti. Annali di Medicina del Lavoro e dell’Ambiente. 2013;25:10.

[3] Società toracica americana (ATS). L’esposizione all’amianto, l’asbestosi e il fumo combinati aumentano notevolmente il rischio di cancro ai polmoni. Scienza quotidiana. 2013.

[4] Im S, Youn K, Shin D, et al. Revisione della cancerogenicità dell’amianto e proposta di standard di approvazione di un cancro professionale causato dall’amianto in Corea. Annali di Medicina del Lavoro e dell’Ambiente. 2015;27:34.

[5] Goodman JE, Peterson MK, Bailey LA, et al. Esposizione all’amianto crisotilo degli elettricisti da prodotti elettrici e rischi di mesotelioma e cancro ai polmoni. Tossicologia regolatoria e farmacologia. 2013;68(1).

[6] Ameille J, Rosenberg N, Matrat M, et al. Malattie legate all’amianto nella meccanica automobilistica. Annali di igiene del lavoro. 2012;56(1):55–60.

[7] Oliver C, Eisen EA, Greene RE, Sprince NL. Malattia correlata all’amianto nei lavoratori delle ferrovie: uno studio trasversale. Revisione americana delle malattie respiratorie. 1984;131(4).

[8] Walters GI, Robertson AS, Bhomra PS, Burge PS. L’asbestosi è prevalente in una varietà di mestieri del settore edile. Medicina respiratoria per cure primarie NPJ – Natura. 2018;28:11.

Informazioni su Susanna 1460 articoli
Scrittrice e blogger, per lavoro e per passione. #Live, #Love & #Write