Ittero: sintomi e altre cause sottostanti

L’ittero si manifesta con un visibile ingiallimento della pelle e del bianco dell’occhio. Si verifica con condizioni associate alle cellule del sangue, al fegato e alla cistifellea. L’ittero può verificarsi in persone che hanno calcoli nella cistifellea e che sviluppano l’epatite [2]. Può verificarsi anche con pancreatite o cancro al fegato [1,4]. Questo si presenta con livelli aumentati di bilirubina che è un prodotto di scarto del riciclaggio dei globuli rossi nel tuo corpo. I livelli di bilirubina aumentano quando c’è una rottura più del normale dei globuli rossi. Questa bilirubina dovrebbe legarsi con i sali nel succo di bile. Il succo biliare viene rilasciato nell’intestino dalla cistifellea per migliorare la digestione degli alimenti ricchi di grassi. La bilirubina viene quindi escreta nelle feci.

Si verifica con condizioni associate al fegato e alla cistifellea. L’ittero si verifica nelle persone che sviluppano l’epatite e in coloro che hanno calcoli nella cistifellea. [2]

Sintomi di ittero

Colore della pelle : la pelle del corpo è scolorita con una sfumatura gialla. C’è anche un ingiallimento della sclera (il bianco dell’occhio). Questo può essere facilmente visto alla luce del sole. Parte dal viso e si estende al tronco e alle gambe. Questo colore giallo acquisisce l’attenzione su alcune malattie sottostanti. Questa condizione non è dannosa per la pelle e il recupero è completo quando la malattia viene trattata. [2]

Prurito su tutto il corpo : A causa di qualsiasi malattia che impedisce il flusso del succo biliare nell’intestino, c’è il rilascio di sostanze biliari nel sangue. Queste sostanze provocano prurito su tutto il corpo. Questo può essere alleviato applicando una lozione alla vitamina E. [3]

Urina di colore scuro: se la bilirubina non riesce a trovare il percorso per essere escreta attraverso le feci, viene rimossa dal corpo nelle urine. [4]

Sgabelli color argilla : L’assenza di bilirubina dalle feci gli conferisce un aspetto color argilla. Ciò è dovuto ai grassi non digeriti. [4]

Ci sono altri sintomi [5] originariamente associati alla malattia sottostante.

Dolore addominale: il dolore appena sotto la gabbia toracica sul lato destro dell’addome può essere dovuto a calcoli nella cistifellea. A volte viene percepito solo quando viene applicata una pressione.

Febbre: la febbre può verificarsi quando c’è un’eccessiva degradazione dei globuli rossi. Inoltre, l’infezione della cistifellea dovuta alla contaminazione dei calcoli biliari può causare febbre. La febbre è comune in varie malattie del fegato. Brividi e rigore possono accompagnare la condizione.

Vomito: puoi sentire nausea e vomitare ripetutamente se c’è gonfiore della cistifellea a causa di calcoli. Ciò può verificarsi soprattutto dopo l’assunzione di cibo. Una ridotta funzionalità del fegato può causare l’accumulo di sostanze tossiche nel sangue che possono anche causare vomito.

Stanchezza: l’aumento della perdita di liquidi e sali dal corpo si verifica a causa del vomito eccessivo. Questo ti rende debole ed esausto.

Distensione dell’addome: una grave malattia del fegato può portare alla raccolta di liquidi nella membrana addominale che provoca distensione.

Sanguinamento: il sanguinamento che non si ferma facilmente può essere il risultato di una carenza di fattori che coagulano il sangue. Queste sostanze sono prodotte dal fegato sano.

Vertigini e palpitazioni: quando si verifica l’ittero a causa della rottura dei globuli rossi, si verifica anemia. L’anemia può causare palpitazioni e vertigini.

Varici: le varici che sanguinano i vasi dell’intestino possono causare sangue nel vomito. Può causare una grave emorragia.

Confusione e sonnolenza: quando la malattia del fegato è progredita a livelli pericolosi, le sostanze tossiche possono raggiungere il cervello attraverso il sangue e avere effetti dannosi come confusione, sonnolenza e agitazione.

Perdita di peso: la perdita di peso può verificarsi se la causa dell’ittero è il raro cancro epatocellulare del fegato. Di solito è fatale se non curata da un trapianto di fegato.

Riferimenti:

[1] Frieden JH. Il significato dell’ittero nella pancreatite acuta. Archivi di Chirurgia. 1965;90(3):422-6.

[2] Owusu M, Bonney JK, Annan AA, et al. Eziologia dell’epatite virale tra i pazienti itterici che si presentano in un ospedale terziario in Ghana. PLoS uno. 2018;13(9):e0203699.

[3] Bassari R, Koea JB. Prurito associato a ittero: una revisione della fisiopatologia e del trattamento. Giornale mondiale di gastroenterologia. 2015;21(5):1404–13.

[4] Subbiah V, West H. Ittero (iperbilirubinemia) nel cancro. JAMA Oncologia. 2016;2(8):1103.

[5] Kumar KPS, Bhowmik D. Jaundice-revisione delle caratteristiche cliniche, diagnosi differenziale e rimedi. La ricerca farmaceutica. 2010;4(2):241-52.

Susanna

Scrittrice e blogger, per lavoro e per passione. #Live, #Love & #Write