Hai la cellulite? Ti senti stressato? Non sei solo. La cellulite è un accumulo naturale di grasso nel corpo – tutti ne hanno. Fortunatamente, c’è un modo per ridurre la sua fastidiosa presenza nella tua vita.

Facciamo un passo indietro per un secondo. Come sempre, inizia con il cibo …

È sia una benedizione che una maledizione vivere in una parte del mondo in cui il cibo – e i convenienti “prodotti alimentari” – sono disponibili in qualsiasi momento del giorno. È molto allettante passare la giornata consumando tutto ciò che è facilmente accessibile e poco costoso, spesso senza considerare solo cosa c’è in un prodotto e come ci influenza.

Ciò significa che molte persone consumano continuamente cibi a cui sono intolleranti, inconsapevoli che i sintomi fisici che manifestano sono causati da ciò che stanno mangiando.

Quando non siamo in contatto con il modo in cui il cibo influisce sui nostri corpi, un’esposizione ripetuta a cibi che non possiamo gestire può avere un effetto cumulativo negativo. La medicina ayurvedica ipotizza che la malattia provenga da scarichi di backup; cioè un accumulo di tossine nel corpo che impediscono al sistema linfatico di rilasciare i sottoprodotti dell’attività metabolica.

Un reato comune di accumulo tossico è il consumo di alimenti che un determinato corpo non è progettato per gestire. (Ad esempio, qualcuno con la celiachia non può metabolizzare correttamente il glutine. Questo pone stress sul corpo – inclusa una risposta autoimmune, un aumento dell’attività dei globuli bianchi e la distruzione dei tessuti intestinali – e genera un accumulo di sottoprodotti che esacerbano i sintomi fisici. Non è divertente. Evitando il glutine, i celiaci possono prevenire la reazione in modo che il corpo possa tornare a uno stato normale ed espellere correttamente le tossine. L’esposizione ripetuta al glutine provoca il contrario.)

Lo stesso vale per le altre intolleranze alimentari: la parte difficile è che molti di noi consumano cibi a cui non sappiamo nemmeno di essere sensibili. I sintomi includono infiammazione e disturbi dell’equilibrio della flora intestinale (entrambi indicatori di aumento del potenziale di accumulo tossico). Grano, glutine, prodotti lattiero-caseari, mais, soia e coloranti artificiali sono grandi offensori – e nell’odierno emporio alimentare trasformato, si presentano in tutti i modi in modo furtivo. Leganti, conservanti, aromatizzanti, agenti testurizzanti … senza nemmeno saperlo, potremmo costantemente bombardare un sistema indebolito con la stessa cosa che gli sta causando danni.

Come si applica alla cellulite?

La risposta infiammatoria è fondamentale per questo problema. L’infiammazione nei tessuti in qualsiasi parte del corpo ostacola il flusso di sangue ed energia, causando backup e accumuli in altre aree. Quando ciò accade, le tossine che normalmente verrebbero filtrate ed espulse attraverso i reni attraverso il sangue rimangono aggregate nel corpo. Indovina dove? Nelle cellule adipose E indovina cosa chiamiamo cellule adipose che si sono ingrandite? Cellulite.

Sfortunatamente per le donne, il tessuto connettivo che abbiamo sotto la superficie della nostra pelle è una maglia più ampia rispetto agli uomini: la loro è più simile a una porta a schermo mentre la nostra è più come una racchetta da badminton.

Ridurre l’aspetto della cellulite può essere difficile, soprattutto quando il colpevole è il cibo che non possiamo gestire. Un aumento dell’accumulo di tossine significa una riduzione della circolazione alle cellule, che porta a un’ulteriore infiammazione. Frustrante! Ma se noti una tendenza qui (in che modo il cibo ha un impatto sui nostri corpi? Come possiamo regolare il cibo per cambiare le reazioni problematiche?), Sei già sulla buona strada!

Identificando ed eliminando gli alimenti a cui siamo sensibili, il corpo reagirà con una risposta infiammatoria inferiore, produrrà sottoprodotti meno tossici e immagazzinerà meno tossine nelle nostre cellule adipose. Ovviamente, l’impatto è più grande di come sembriamo in un costume da bagno: un accumulo meno tossico è buono per tutte le nostre cellule, anche quelle che non possiamo vedere in superficie.

Il modo più semplice per indagare su potenziali intolleranze alimentari è prima di tutto creare consapevolezza di come ti senti quando mangi certe cose. I prodotti del pane ti fanno sentire nebbioso? I latticini fanno un numero sullo stomaco? Lo zucchero fa casino con il tuo umore?

Da lì, cerca di eliminare sistematicamente gli alimenti offensivi – diciamo, un cibo per una o due settimane alla volta – e tieni traccia di come ti senti fisicamente e mentalmente. Se qualcosa si registra come un enorme cambiamento (e ti senti notevolmente meglio senza un certo cibo nella tua vita), potrebbe essere un esperimento utile trovare modi per sostituire quel cibo nella tua vita. Forse latte senza latte per mucche o riso integrale anziché grano. I cambiamenti potrebbero essere piccoli per iniziare, ma riducendo l’infiammazione da intolleranze alimentari, le tue cellule saranno più in grado di scovare le tossine e funzionare senza problemi.