Vaginosi batterica e suoi sintomi

Cos’è la vaginosi batterica?

Vaginosi batterica nota anche come vaginosi anaerobica, vaginite aspecifica, Corynebacterium vaginalis, Haemophilus vaginalis, Gardnerella vaginalis o colpite anaerobica. È una malattia vaginale comune che colpisce le donne di età compresa tra 15 e 44 anni, tuttavia l’eziologia dell’infezione non è completamente compresa. [1]

Natura della malattia

L’infezione vaginale è fondamentalmente causata da uno squilibrio della microflora batterica. I batteri anaerobici e alcuni altri tipi di agenti batterici come Gardnerella vaginalis, specie Mobiluncus, specie Peptostreptococcus Mycoplasma hominis o ureaplasma si riproducono rapidamente e il pH vaginale aumenta oltre 4,5 seguito dalla distruzione dei lattobacilli. Alcune specie di Lactobacillus producono perossido di idrogeno che è tossico per gli organismi senza enzimi rilevanti. Pertanto si suppone che una ridotta quantità di lattobacilli e una maggiore concentrazione di altre specie batteriche causino la malattia. Oltre a questo, i lattobacilli metabolizzano il glicogeno per mantenere l’ambiente acido. I lattobacilli fungono da disinfettante supportando una quantità adeguata di microrganismi vaginali e mantenendo condizioni relativamente costanti nell’ambiente vaginale. I batteri associati alla vaginosi batterica possono utilizzare gli aminoacidi come fonte di carbonio. Pertanto le donne che soffrono della malattia mostrano una minore concentrazione di aminoacidi e dipeptidi insieme alla comparsa di cataboliti di aminoacidi nei loro profili metabolici. [2]

Cause di vaginosi batterica

L’uso di saponi medicati, antibiotici orali, dispositivi intrauterini, lavande, fumo di sigaretta o detergenti aumenta la probabilità di contrarre la malattia. Molti partner sessuali rendono anche più probabile la vaginosi batterica sebbene non si tratti di una malattia a trasmissione sessuale. Fattori che alterano il pH vaginale, come ad esempio lavande o sperma alcalino, aumentano la probabilità dell’infezione a causa dell’interruzione dell’ambiente vaginale. Qualcosa di innocente come indumenti stretti o costume da bagno umido può anche innescare lo squilibrio batterico nella vagina. Ovviamente anche una cattiva alimentazione e una scarsa igiene personale possono causare infezioni. [1]

Complicanze associate alla vaginosi batterica

La vaginosi batterica è considerata un’infezione lieve, anche se se non trattata porta a maggiori complicazioni con gli organi sessuali. I batteri possono farsi strada verso le tube di Falloppio o l’utero causando malattie infiammatorie pelviche, cancro cervicale, sanguinamento anormale, endometrite e persino infertilità. La vaginosi batterica non è considerata una malattia pericolosa, tuttavia aumenta il rischio di parto pretermine, aborto spontaneo, infezioni della ferita post cesareo, endometrite postpartum, infezione del liquido amniotico o rottura prematura delle membrane in caso di donne in gravidanza o addirittura aborto spontaneo [3,4 ]. Le donne che soffrono di vaginosi batterica hanno maggiori probabilità di contrarre altre infezioni o malattie sessualmente trasmissibili, incluso l’AIDS, soprattutto durante le procedure ginecologiche o chirurgiche.

Come riconoscere i sintomi della vaginosi batterica? [1,2]

La vaginosi batterica risulta in molti casi asintomatica. Tuttavia è relativamente facile identificare la malattia dai sintomi sotto indicati:

Secrezione vaginale: fluido omogeneo bianco o grigio aderente alla parete vaginale. Si verifica quando i batteri naturalmente viventi nell’area vaginale crescono eccessivamente.

Odore vaginale: la vagina diventa più alcalina e lo scarico può odorare di pesce a causa dell’elevata concentrazione di ammine volatilizzate. L’odore di pesce diventa spesso più forte con un pH più alto che potrebbe aumentare anche fino a 7.

Prurito vulvare: può verificarsi anche prurito nell’area vaginale sebbene non siano sintomi comuni. Alcune donne possono avvertire dolore o bruciore durante la minzione.

Manifestazioni cliniche:

Cellule indiziate dall’epitelio vaginale che sono ricoperte dai batteri in eccesso – il più delle volte Gardnerella vaginalis, ma anche fusobatteri, mobiluncus, cocchi ecc. Possono essere rilevate mediante un esame microscopico.

Presenza di coccobacilli corti e lieve ingrossamento nucleare.

La colorazione di Gram può essere utilizzata clinicamente per determinare la concentrazione di batteri Gram-positivi e Gram-negativi.

La vaginosi batterica può essere confusa con altre condizioni?

I sintomi sono simili ad altre malattie come la gonorrea, la clamidia, la tricomoniasi ecc. Pertanto la vaginosi batterica può essere facilmente diagnosticata erroneamente.

 La vaginosi batterica può essere ricorrente?

Il trattamento convenzionale con antibiotici o antimicotici spesso fallisce perché disturbano l’equilibrio naturale dei batteri vaginali, quindi può persino portare a una vaginosi batterica peggiore. La vaginosi batterica può rivelarsi un’infezione insolitamente persistente e anche dopo un trattamento antibiotico di successo a breve termine può continuare a ripresentarsi. Succede perché i farmaci risolvono solo i sintomi ma non risolvono lo squilibrio batterico sottostante che dovrebbe essere la causa più probabile della vaginosi batterica. Pertanto è essenziale non solo applicare rimedi casalinghi curativi naturali, ma anche modificare il proprio stile di vita per liberarsi definitivamente della vaginosi batterica. [5]

Riferimenti:

[1] Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Vaginosi batterica – Scheda informativa CDC. Estratto da www.cdc.gov/std/bv/stdfact-bacterial-vaginosis.htm

[2] Kumar N, Behera B, Sagiri SS, et al. Vaginosi batterica: eziologia e modalità di trattamento: una breve nota. Giornale di farmacia e scienze bioalleate. 2011;3(4):496–503.

[3] Shimaoka M, Yo Y, Doh K, et al. Associazione tra parto pretermine e vaginosi batterica con o senza trattamento. Rapporti scientifici. 2019;9:509.

[4] Isik G, Demirezen S, Dönmez HG, Beksaç MS. Vaginosi batterica in associazione con aborto spontaneo e aborti ricorrenti. Giornale di citologia. 2016;33(3):135–40.

[5] Wilson J. Gestione della vaginosi batterica ricorrente. Infezioni trasmesse sessualmente. 2004;80:8-11.

Susanna

Scrittrice e blogger, per lavoro e per passione. #Live, #Love & #Write