Cellulite: Il buono, il brutto e il cattivo

Quasi ogni donna ce l’ha e dobbiamo ammettere che è davvero testarda. A volte è di più, a volte è di meno, ma per il più delle volte non se ne va. Il problema è che per sconfiggerla dobbiamo capire qual è l’origine del problema. Si tratta di riserve di grasso non metabolizzate che il nostro corpo non consuma? Si tratta di ritenzione idrica, di stress o di un accumulo di tossine? Come sempre, il miglior modo per eliminare un problema è eliminarne la causa. Ogni volta. Perciò, come possiamo fare per eliminare la cellulite?

Per esperienza personale posso dirvi che l’unico modo per capire la causa ed eliminarla è provare i vari rimedi possibili e vedere come va. Ognuna delle cause, infatti, ha uno o più rimedi che possiamo mettere in pratica. Quindi, provando i vari rimedi, in base ai risultati possiamo capire cos’è che nel nostro caso origina la cellulite ed eliminarla gradualmente.

Se ad esempio si tratta di grasso non metabolizzato, il suggerimento è quello di rivedere il nostro piano alimentare e di puntare su una maggiore attività fisica focalizzata su cosce e glutei, e/o sulle aree in cui la buccia d’arancia si fa viva. Mangiando sano possiamo riequilibrare il nostro organismo e levigare la pelle, ma anche avere una minore quantità di calorie e grassi da smaltire. Non assimilandone troppi dal cibo, quando andrai a fare attività fisica, il tuo corpo si troverà costretto ad utilizzare i grassi accumulati come energia e, di conseguenza, i “buchi” di cellulite diminuiranno gradualmente. Attenzione però… la combinazione giusta è alimentazione sana e attività fisica, NON dieta e attività fisica. C’è una bella differenza e la dieta, in realtà, serve solo in alcuni casi. Siamo noi che tendiamo a paragonare la sana alimentazione con la dieta (solo perché andiamo ad eliminare alimenti non sani), ma si tratta di due cose letteralmente diverse… anche perché l’alimentazione sana ce la possiamo fare da soli, la dieta no.

L’attività fisica, così come l’alimentazione sana, dovranno essere sempre alla base di uno “stile di vita anti-cellulite”. Ovviamente, quando si tratta di ritenzione idrica, la soluzione da abbinare a queste due buone abitudini è bere tanto, puntando non solo sull’acqua, ma anche su tante tisane che possono aiutare (le trovi qui). Quando invece si tratta di accumuli di tossine, il migliore rimedio per sconfiggere questo problema è sempre incentrato sull’alimentazione e sul bere molto, ma può anche essere aiutato da un drenaggio linfatico (ne abbiamo parlato la settimana scorsa qui), un massaggio che più aiutare la circolazione linfatica e sanguigna a funzionare meglio e, conseguentemente, anche a permettere al corpo di smaltire meglio le tossine. Per questo potrà anche essere utile seguire dei consigli per un’alimentazione in grado di disintossicare l’organismo e un bagno detox settimanale.

Cosa rimane? Lo stress. Beh, diciamo che lo stress fa parte del “brutto” della cellulite. Perché si tratta di una delle cause presenti in ognuna di noi e in grado di influire sulla formazione delle cellulite (come? Te lo spiego qui!). Perciò, possiamo utilizzare tutti i rimedi possibili, scoprire la causa principale della nostra cellulite e constatare dei grandi risultati, ma se non riduciamo al massimo lo stress… i risultati non potranno mai essere esattamente quelli sperati. E questo te lo posso confermare in base a quello che ho vissuto io e quello che vivono la maggior parte delle donne che conosco e che hanno dei problemi di cellulite. Un’altra parte del “brutto” della cellulite sono gli ormoni. Infatti, questi ultimi li possiamo gestire un po’ meglio con la nostra alimentazione ma ci sono dei momenti in cui ci possiamo fare ben poco e certamente le bombe di ormoni che molte donne assimilano con gli anticoncezionali sono assassini per gambe e glutei.

Perciò, per stress e ormoni non possiamo fare grandi cose, anche se ci possiamo provare. Ma per le altre cose sì. È possibile. Quindi ti consiglio di mangiare davvero bene e con moderazione, di eliminare gli alimenti grassi e quelli confezionati, di ridurre il consumo di sale e zucchero. Poi abbina tutto questo a tisane, attività fisica e massaggi… e vedrai che i risultati non tarderanno a farsi vedere e a renderti soddisfatta come ti meriti.

Per quanto riguarda l’alimentazione, punta a frutta e verdura, ovvero alimenti in grado di levigare la tua pelle, renderla più morbida ed elastica. In più, ti suggerisco di prediligere alimenti che contengono molta lecitina, una sostanza nutritiva che supporta la riparazione delle cellule cutanee e aiuta a prevenire la formazione di depositi di grasso appena sotto la superficie della pelle. Qualche esempio? Uova, mele, arachidi, cavoli, cavolfiori, broccoli e spinaci. Se non hai problemi con questa sostanza, sappi che esistono anche dei validi integratori alimentari a base di lecitina che puoi prendere in considerazione.

Non dimenticare l’importanza degli acidi grassi essenziali Omega-3 (che trovi soprattutto in semi di lino, noci, noci del Brasile, semi di canapa e pesce azzurro e in validi integratori), che contribuiscono a migliorare l’idratazione dei tessuti cutanei. Infine, punta su alimenti “diuretici” (ottimi per contrastare la ritenzione di liquidi), come gli asparagi, il sedano, le cipolle e i cetrioli.

Troppe informazioni tutte insieme?

Non ti preoccupare, sono solo ottime buone abitudini che possono aiutarti a ridurre gradualmente la cellulite e ad essere più sana e vitale a livello generale.

Per oggi ti lascio alle tue riflessioni e magari ad una buona spesa al supermercato. Per il resto, come ben sai, in questo sito potrai trovare tantissimi rimedi, consigli e soluzioni, o altrimenti potrai avere una guida a tua completa disposizione ogni volta che vorrai, come quella che trovi cliccando sul banner qui sotto.

A presto!

Susanna

Scrittrice e blogger, per lavoro e per passione. #Live, #Love & #Write

Un pensiero riguardo “Cellulite: Il buono, il brutto e il cattivo

I commenti sono chiusi.