Incredibili trattamenti naturali per la fotofobia

La fotofobia può essere causata da molte condizioni diverse, quindi questo rende difficile la comprensione di questa condizione. Una delle cause più comuni della fotofobia è l’emicrania. La fotofobia è generalmente caratterizzata da un’acuta sensibilità alla luce. Inoltre, ci possono essere altre cause di fotofobia, come congiuntivite virale, malattie oftalmologiche, lieve lesione cerebrale traumatica, cataratta, ecc.

Ci sono alcuni casi in cui la fotofobia è un effetto collaterale dell’assunzione di farmaci o dell’intervento chirurgico. Inoltre, può essere una risposta a qualche altra irritazione agli occhi. In molti casi, il trattamento di questa condizione è indirizzato al trattamento della causa sottostante. Ci sono rari casi in cui i fattori naturali causano la fotofobia che non può essere curata. Quando hai occhi sensibili alla luce, i segnali che le tue retine inviano al cervello possono essere interpretati erroneamente come dolore o disagio.

Se la fonte di luce è più forte, hai più possibilità di provare una quantità significativa di disagio. Inoltre, possono esserci alcuni segni che possono indicare che la tua fotofobia è diventata più significativa, come la sensazione di bruciore agli occhi; necessità di chiudere frequentemente gli occhi o battere le palpebre; rigidità del collo; occhi eccessivamente acquosi; un desiderio di strabismo; mal di testa; dolore agli occhi. Si è notato che le persone che hanno gli occhi di colore chiaro hanno maggiori possibilità di ottenere la fotofobia. Devi parlare con il tuo medico se soffri di fotofobia in modo che possa dirti qual è il miglior rimedio casalingo per te. In questo modo eviterai effetti collaterali.

Rimedi casalinghi per la fotofobia

Trova dei modi per alleviare lo stress

È noto che la fotofobia correlata all’emicrania è spesso collegata ad altri disturbi psicologici, come ansia e depressione. La causa esatta è ancora sconosciuta, ma lo stress e l’ansia possono altrimenti portare a un dolore in una persona con fotofobia. Dovresti fare cose che possono aiutarti a rilassarti, come ascoltare musica, guardare il tuo programma televisivo preferito, yoga o altri esercizi. Possono fare una grande differenza nel modo in cui ti senti.

Evita gli allergeni conosciuti

Molte persone pensano che le allergie possano solo farti starnutire e sentirti infelice, ma possono fare molto di più. L’allergia può rendere i tuoi occhi sensibili alla luce. Uno degli allergeni più comuni è il polline, quindi se sei incline alle allergie stagionali, dovresti evitare la tua presenza tra alberi, piante ed erba. Potresti combatterli per una buona parte dell’anno a seconda di dove vivi. Dovresti evitare di uscire quando il polline nella tua zona è alto. Quando esci, dovresti indossare occhiali da sole avvolgenti che possono darti una certa protezione. Dovresti parlare con il tuo medico del modo migliore per evitare gli allergeni.

Riboflavina

Dovresti mangiare cibi che contengono riboflavina, come mandorle e formaggio. È stato riscontrato che questa sostanza è utile in chi soffre di emicrania dove la fotofobia è un sintomo tipico.

Copri le superfici riflettenti

Quando la luce lo colpisce esattamente ad angolo retto, le superfici lucide possono essere un vero dolore. Dovresti coprire questi oggetti con un asciugamano o un lenzuolo. Puoi anche adornarli con soprammobili non riflettenti che potrebbero non essere l’ideale dal punto di vista dello stile, ma possono aiutare a ridurre al minimo le possibilità di aggravare la tua sensibilità alla luce.

Carotenoidi

Dovresti mangiare cibi con carotenoidi, come la luteina e la zeaxantina perché è stato scoperto che sono utili per ridurre i sintomi della fotofobia, così come vari altri problemi agli occhi. Puoi trovare queste sostanze nelle verdure a foglia verde scuro e nei frutti dai colori vivaci.

Stai attento a casa tua

Dovresti stare lontano dalla luce solare e dovresti tenere le luci soffuse all’interno perché questo può rendere meno scomoda la fotofobia. Dovresti tenere gli occhi chiusi o coprirli con occhiali scuri e colorati che possono anche darti un sollievo dai sintomi della fotofobia.

Elimina le lampadine fluorescenti

L’illuminazione fluorescente ha uno sfarfallio invisibile e una quantità significativa di luce blu-verde ed entrambe le luci possono peggiorare la fotofobia e le condizioni di fotosensibilità. Un’ottima alternativa a queste luci sono le lampadine a LED, in particolare con tonalità di colore calde, oltre a una schiaritura naturale.

Meditazione

Ci sono alcuni studi in cui viene dimostrato che la meditazione è utile con la fotofobia. Può aumentare il volume della materia grigia nelle aree del cervello coinvolte nelle reazioni emotive, nella memoria, nel processo decisionale, nella flessibilità cognitiva e nella pianificazione. La meditazione può ridurre lo stress, così come l’emicrania. Dovrebbero essere fatti molti più studi sugli effetti della meditazione sulla fotofobia.

Includi più verdure verde scuro nella tua dieta

Ci sono molti studi in cui viene dimostrato che le verdure verde scuro contengono zeaxantina e lutei che possono aiutare a ridurre al minimo i sintomi della fotofobia. Alcune delle migliori verdure verde scuro che dovresti aggiungere alla tua dieta sono spinaci, cavoli e cavoli. Dovresti incorporare questi alimenti nella tua dieta regolare, in modo che possa aiutare a prevenire condizioni legate all’età, degenerazione maculare e cataratta. Questo può aiutare a migliorare la vista in modo naturale.

Usa la regola 20-20-20

Quando si utilizza molto il computer, gli occhi possono essere molto secchi e tesi, il che significa che lascia gli occhi sensibili alla luce, stanchi e acquosi. L’AAO (American Academy of Ophthalmology) raccomanda la regola 20-20-20 per aiutare a combattere l’affaticamento degli occhi e l’affaticamento. Ogni venti minuti che sei sul tuo computer, dovresti fermarti e per venti secondi guardare qualcosa a sei metri di distanza. Questo darà ai tuoi occhi una pausa e può aiutare a ridurre l’affaticamento degli occhi.

Fai una pausa dal tuo computer o dispositivo mobile

Quelle persone che trascorrono molto tempo durante la giornata al computer o al cellulare, hanno maggiori possibilità di essere affette dalla sindrome della visione artificiale. La fotofobia, il mal di testa e l’affaticamento degli occhi possono essere segni della sindrome della visione artificiale. Dovresti fare frequenti pause per gli occhi dal tuo dispositivo o dovresti metterlo giù per un po ‘se puoi.

Indossa occhiali da sole con polarizzazione quando sei fuori

Se stai andando alla luce del giorno, assicurati di portare i tuoi occhiali da sole polarizzati per ridurre l’abbagliamento, la luce del sole e il riflesso.

Apri completamente le tapparelle

È stato dimostrato che i modelli di luce a strisce e ad alto contrasto possono esacerbare un cervello iperattivo. Dovresti aprire o chiudere completamente le persiane delle finestre perché questo può rimuovere il problema della luce diffusa che colpisce i tuoi occhi inaspettatamente. Se scegli di chiudere le tapparelle, assicurati di avere abbastanza luce altrove.

Pratica una buona igiene

È noto che la congiuntivite è una delle principali cause della fotofobia. Puoi prevenire questa condizione praticando una buona igiene. Non dovresti toccarti gli occhi e non dovresti condividere il tuo trucco con gli altri.

Riduci il rischio di contrarre la meningite

Puoi evitare il rischio di contrarre la meningite evitando il contatto con persone che sono affette da questa condizione. Dovresti lavarti spesso le mani e dovresti vaccinarti contro la meningite batterica.

Aumenta gradualmente l’esposizione alla luce

Quando sei dentro, non puoi nasconderti al buio o coprirti gli occhi con occhiali da sole. Dovresti tenere le luci accese, anche a livelli più deboli, perché è un passaggio importante per alleviare la fotofobia.

Smetta di prendere il medicinale che causa la fotofobia

Se hai notato che qualche medicinale che prendi è la causa della fotofobia, dovresti smettere di prenderlo. Non esiste un elenco definitivo di farmaci che possono causare la fotofobia come effetto collaterale, ma alcuni medici hanno collegato questa condizione con farmaci comuni usati per trattare altre condizioni. Se hai notato qualche effetto collaterale dall’uso di determinati farmaci, dovresti parlare con il tuo medico se dovresti continuare a usarlo.

Pulisci bene la casa

A nessuno piace lo sporco, la sporcizia o le strisce sui pavimenti o sui mobili e possono essere particolarmente dannosi per le persone che soffrono di fotofobia.

Prendi degli integratori

Dovresti assumere integratori e adattare la tua dieta per aiutarti ad affrontare le carenze vitaminiche. Si è notato che la fotofobia è un problema comune con le persone che hanno bassi livelli di vitamina A e vitamina B, quindi l’integrazione può essere utile come rimedio casalingo per la fotofobia.

Informazioni su Susanna 1460 articoli
Scrittrice e blogger, per lavoro e per passione. #Live, #Love & #Write